News

Prima ancora di entrare all’interno di un condominio e scoprirne gli ambienti comuni e le singole unità abitative, è la facciata dello stabile che si presenta dinnanzi agli occhi, nel bene e nel male. Un edificio con un aspetto esteriore curato, gradevole e privo di deterioramenti legati agli agenti atmosferici o al passare del tempo rappresenta infatti un ottimo biglietto da visita: ecco che dunque, periodicamente, è buona cosa eseguire degli interventi conservativi.

In cosa consiste il rifacimento della facciata

Diversi sono i lavori che ricadono nell’ambito del rifacimento delle facciate di condomini e altri edifici, e che dipendono dal grado e dalla tipologia di danni visibili o meno in superficie. Ad esempio è possibile che l’intonaco della facciata presenti crepe evidenti e si sfaldi progressivamente: in questo caso si può intervenire con l’eliminazione del materiale ormai in stato di decadimento per procedere alla stesura di un nuovo strato di intonaco e, successivamente, alla tinteggiatura.
Oltre al rivestimento dei muri, è possibile che questi lavori interessino anche altri elementi della facciata, come ad esempio cornicioni, fregi decorativi, grondaie, parapetti, zoccoli esterni e via dicendo.

Naturalmente anche gli eventuali balconi presenti dovranno essere oggetto di “attenzioni” mirate, effettuando laddove necessario interventi di consolidamento e ripristino del cemento o degli altri materiali con cui sono costruiti.

È possibile che gli interventi da eseguire siano anche più consistenti, ad esempio quando per lo stabile in questione si prevede la realizzazione del cappotto termico esterno. In questo caso l’intera superficie della facciata, così come degli altri lati dell’immobile, sarà interessata dall’applicazione di uno strato esterno di materiali ad alto grado di coibentazione che miglioreranno le performance energetiche dell’edificio; fatto ciò, si procederà alla realizzazione di nuove rifiniture come intonaco e tinteggiatura.

Chi paga… e come pagare meno

Secondo una sentenza della Cassazione di pochi anni fa (la 21028/2015), le spese per il rifacimento delle facciate in ambito condominiale devono essere ripartite fra tutti i condomini in base ai millesimi: ciò significa che anche chi non è proprietario di un appartamento direttamente interessato dai lavori è tenuto a contribuire allo svolgimento degli stessi, in quanto la facciata rappresenta un bene comune all’intero immobile (analogamente, ad esempio, al tetto).

La buona notizia è che, comunque, questa particolare categoria di lavori rientra nell’elenco degli interventi di miglioramento del patrimonio edilizio esistente che possono beneficiare degli sgravi fiscali attualmente in vigore. Sono infatti disponibili detrazioni del 50%, fino a un tetto massimo di spesa di 96 mila euro, applicabili alla quota versata da ogni singolo condomino per l’esecuzione dei lavori di rifacimento della facciata nell’ambito ad esempio di ristrutturazioni o manutenzioni straordinarie.

Ancor più consistenti sono gli sgravi fiscali (“Ecobonus”) per i lavori volti a migliorare le performance energetiche del fabbricato, dal momento che l’aliquota sale al 70% se gli interventi riguardano almeno un quarto della superficie disperdente e al 75% se vengono migliorate le prestazioni energetiche sia invernali che estive.

Inoltre, se i lavori di rifacimento ricadessero nell’ambito di un intervento più generale per la riduzione della vulnerabilità del fabbricato nei confronti dei terremoti, le detrazioni a disposizione sono quelle del cosiddetto “Sismabonus”. In questo caso, qualora la classe di rischio sismico migliorasse di una posizione, le detrazioni sono pari al 75% mentre se si guadagnano due classi l’aliquota sale all’85%.

I vantaggi di affidarsi ad Arteco

Arteco è in grado di pianificare il rifacimento delle facciate di condomini, villette e la ristrutturazione di appartamenti a Parma sin nei minimi dettagli, mettendo a punto progetti che mettono d’accordo le preferenze estetiche del committente con i requisiti tecnici dei lavori e gli eventuali vincoli legati all’aspetto esteriore o alla conservazione di immobili di pregio storico.

Gli interventi vengono svolti da professionisti specializzati nel settore edile, il cui lavoro viene gestito e coordinato direttamente da Arteco per garantire la piena rispondenza alle ipotesi progettuali e uno svolgimento fluido e nei tempi prestabiliti.
I preventivi forniti da Arteco sono sempre “chiavi in mano” e definitivi, privi quindi di possibili voci di spesa extra in corso d’opera: un vantaggio esclusivo per i nostri clienti, che potranno così beneficiare di lavori eseguiti a regola d’arte e senza che il costo finale subisca impreviste variazioni.

ARCHIVIO